Lampadina Idea

Come brevettare un’idea

Mentre tutte le invenzioni iniziano con un’idea, non tutte le idee possono essere definite un’invenzione. Comprendere la differenza tra idee e invenzioni è fondamentale per capire le basi del brevetto. Se ti stai chiedendo se la tua idea è un’invenzione, ecco alcune cose da tenere a mente.

Brevetto di utilità: quando un’idea diventa realtà

Esistono tipi diversi di brevetti, ma quando la maggior parte delle persone parla di brevetti, di solito fa riferimento ai brevetti di utilità. I brevetti di utilità si occupano di tutelare quattro diversi aspetti:

  1. Un processo. Un processo è una qualsiasi combinazione di passaggi o metodi.
  2. Una macchina. Una macchina è una qualsiasi combinazione di parti.
  3. Una fabbricazione. Una fabbricazione è una combinazione di materiali che diano vita a qualcosa di nuovo.
  4. Una nuova composizione della materia. Una nuova composizione della materia potrebbe essere una sostanza chimicamente nuova.

In realtà, molte invenzioni sono combinazioni di queste categorie. Un nuovo sistema di telecomunicazione può combinare processi e macchine. Un nuovo tipo di calcestruzzo può combinare nuove combinazioni di materiali esistenti e prodotti chimici completamente nuovi.

Un primo modo per capire se la tua idea è un’invenzione è se puoi inserirla nelle diverse classificai previste dai brevetti. Se non riesci a capire se si tratta di un processo, di una macchina o di una combinazione dei due, la tua invenzione potrebbe ancora essere un’idea.

Cosa puoi brevettare e cosa non puoi brevettare

Anche se la tua invenzione rientra nei termini della legalità, non tutto può essere brevettato. Determinare quali tipi di invenzioni sono protetti aiuterà ulteriormente a determinare se la tua idea è un’invenzione.

Le invenzioni non possono essere troppo astratte. Ad esempio, se la tua invenzione è una formula matematica non legata a particolari processi o applicazioni, non è un’invenzione brevettabile. In realtà deve aiutare qualcuno a prendere una decisione, spostare una macchina nel mondo reale o fare in modo che accada qualcosa di utile.

Le invenzioni non possono essere scoperte naturali. Se stai pescando nei boschi e tiri fuori un misterioso nuovo pesce dallo stagno, non puoi brevettarlo, anche se sei il primo a trovarlo. Devi fare di più che scoprire qualcosa per ottenere un brevetto. Devi progettarlo, modificarlo o incorporarlo come parte di un’invenzione più grande.

Requisiti di brevetto

Oltre a ciò che può e non può essere brevettato, i brevetti devono essere nuovi e non ovvi. Quelle parole hanno un significato giuridico molto specifico ma, per gli inventori, significa che l’invenzione deve essere completamente nuova. Ciò significa che non deve essere mai stata descritta in una pubblicazione o in una domanda di brevetto. Nessuno deve aver mai fatto la stessa identica cosa.

Un’invenzione non ovvia è quella che, alla luce di tutti i brevetti e le pubblicazioni disponibili, non sarebbe nuova. Qualcuno avrebbe potuto inventare le stesse invenzioni se avesse letto una combinazione di brevetti o pubblicazioni? L’evidenza è frustrante per gli inventori: tutto può essere ovvio a posteriori. La sola idea di combinare due cose aspetti conosciuti non è qualcosa per cui puoi ottenere un brevetto. Ci deve essere qualcosa di nuovo su come l’inventore è arrivato a quella scoperta. È la selezione delle cose o il modo in cui le cose sono combinate che eleva l’idea ovvia a un’invenzione non ovvia.

Fortunatamente, le risorse online rendono la ricerca di brevetti più semplice che mai. Se qualcuno ha già inventato la tua invenzione, è meglio scoprirlo ora piuttosto che dopo averci investito tempo e denaro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *