Pulizia Casa in Epoca COVID19

Come disinfettare casa contro il rischio di Coronavirus

Pulizia della casa: come disinfettare casa contro il rischio di Coronavirus

Come rendere la casa igienizzata e sicura contro il rischio di Coronavirus? Questa è una domanda che si pongono sempre più persone, al fine di rendere sterilizzata la propria abitazione e allontanare il più possibile il Covid-19. Ci sono diversi metodi per poter pulire in modo sicuro ed efficiente, ed è bene seguirli con attenzione.

Come fare per renderla sicura e igienizzata, senza la presenza di virus e batteri? Prima di tutto è bene sottolineare che ogni giorno, migliaia di microrganismi dannosi si annidano nella propria abitazione, moltiplicandosi se trovano accumuli di polvere o di sporcizia.

Il rischio più grave, quello da tenere il più possibile lontano, è quello del contagio da Coronavirus, virus che pare sopravvivere a lungo sulle superfici. Secondo alcune ipotesi indicate dagli studiosi, soprattutto da virologi e scienziati, il Covid-19 sarebbe in grado di sopravvivere addirittura diversi giorni su rubinetti e almeno 3 ore su mobili e tavoli.

Il primo modo per eliminarlo però consiste nel passare panni umidificati con alcool puro. Questa sostanza è in grado di uccidere il virus in circa 5 minuti. Stessa cosa vale per i detergenti a base di Amuchina. Per poter evitare però di provocare un’intossicazione dovuta all’inalazione di questi prodotti, è bene arieggiare in modo adeguato la casa quando si usano. Oltre a queste soluzioni, se ne possono adottare anche altre.

I prodotti giusti e le misure di sicurezza

Molte persone preferiscono usare la candeggina per disinfettare ed eliminare l’eventuale presenza del Coronavirus. Questa è molto utile, ma deve essere usata solo ed esclusivamente per le zone di passaggio della casa, come ad esempio corridoi o ingressi.

Molto importante anche l’utilizzo di detergenti dotati di presidi medico-chirurgici, capaci di sterminare i batteri ed i virus presenti sulle superfici. Basta anche utilizzare i comuni detersivi presenti in commercio, purché però abbiano almeno il 70% o l’80% di alcool al loro interno.

Oltre a questo, i piatti e tutti gli oggetti presenti in cucina dovranno essere accuratamente lavati con un comune detersivo per i piatti, e possibilmente, se si usa la lavastoviglie, cercare di mantenere una temperatura alta. Il virus muore a circa 60°C, ma ciò ovviamente non significa che si debbano portare gli apparecchi elettronici a raggiungere questa temperatura, con il rischio che si creino incidenti domestici.

L’ideale è sempre fare attenzione a qualsiasi forma di prevenzione si usi. Ciò significa che molte persone rischiano di danneggiare la loro salute, con un uso smodato o eccessivo di prodotti. Questo non aiuterà ad uccidere il virus, ma solo a originare intossicazioni.

Da non sottovalutare poi le misure di sicurezza, ovvero l’uso di guanti e occhiali quando si procede con le pulizie della casa. Queste protezioni sono utili sia per evitare eventuali contagi, che per non lasciarsi irritare dalle sostanze contenute nei prodotti utilizzati per detergere.

Nel caso si avesse un caso di Coronavirus in casa, per cercare di sterilizzare al meglio le superfici, è opportuno lavare puntualmente anche i propri vestiti, ogni volta che si pulisce negli ambienti frequentati dalla persona contagiata.

Come si è visto, le soluzioni efficaci per poter disinfettare la propria abitazione sono tante, e si deve sempre ricordare di fare attenzione anche alle piccole superfici, che magari potrebbero sfuggire.

Oltre a questo, ricordare anche di togliersi le scarpe non appena si entra in casa, se si è dovuti uscire. Questo eviterà di diffondere germi, batteri, e soprattutto non permetterà al Covid-19, se presente, di intaccare il resto della casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *