Sbiancamento Denti

Come sbiancare i denti

I denti inevitabilmente iniziano a ingiallire con l’età, ma una serie di strategie può rallentare il processo e persino invertirlo.

Mentre i kit per lo sbiancamento dei denti sono prontamente disponibili nella maggior parte delle farmacie, molti rimedi naturali possono aiutare a rimuovere le macchie e proteggere lo smalto dei denti.

Perché i denti ingialliscono?

I denti diventano gialli per due motivi, entrambi i quali tendono ad accentuarsi con l’età:

  • L’assottigliamento dello smalto. Lo strato esterno dei denti è costituito da smalto, di colore bianco, che ha lo scopo di proteggere la struttura del dente più profonda. Sotto lo smalto si trova uno strato di tessuto chiamato dentina, che è giallo-marrone. Quando lo strato di smalto si assottiglia o si consuma, i denti iniziano a sembrare più scuri, rivelando la parte sottostante. I cibi acidi, le malattie gengivali e l’invecchiamento possono logorare lo smalto dei denti. Alcune persone hanno anche uno smalto naturalmente più sottile.
  • Macchie a causa di cibi e fumo. Alimenti e bevande specifici, come il caffè, possono macchiare i denti. Alcuni alimenti possono anche logorare lo smalto, aumentando l’ingiallimento. Altre cause di macchie sono il fumo, i prodotti a base di tabacco e gli antibiotici.

Come sbiancare i denti naturalmente

Alcune accortezze possono aiutare a sbiancare i denti.

Spazzolare i denti con bicarbonato di sodio

Il bicarbonato di sodio ha un grande potere sbiancante, motivo per cui è presente nella maggior parte dei dentifrici. Aggiunto qualche volta a settimana al dentifricio, è un metodo sicuro per rimuovere le macchie.

Il bicarbonato di sodio può anche aiutare a combattere i batteri, il che suggerisce che potrebbe essere in grado di ridurre la placca e prevenire la carie.

Utilizzare il perossido di idrogeno

Meglio noto come acqua ossigenata, il perossido di idrogeno può aiutarti a sbiancare i denti macchiati. Per uno sbiancamento ottimale, si dovrebbe spazzolare con una miscela di bicarbonato di sodio e acqua ossigenata per 1-2 minuti due volte al giorno per una settimana. Ma si tratta di un rimedio da adoperare solo occasionalmente.

Il perossido di idrogeno può aumentare la sensibilità dei denti, quindi non è adatto per un uso a lungo termine o per persone che hanno già denti sensibili.

Sbiancare i denti con la frutta

La papaina e la bromelina, che sono enzimi presenti rispettivamente nella papaia e nell’ananas, possono aiutare a sbiancare i denti.

Uno studio del 2012 ha trovato alcune prove secondo cui le soluzioni contenenti questi ingredienti potrebbero offrire modesti effetti sbiancanti. Tuttavia, gli autori dello studio avvertono che sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se questi enzimi sono efficaci.

Oil pulling

L’oil pulling è un’antica tecnica ayurvedica recentemente tornata alla ribalta in Occidente, che prevede il ricordo a un olio per rimuovere sporco, batteri e detriti dal cavo orale. Non sostituisce la normale spazzolatura o il filo interdentale, ma alcune ricerche suggeriscono che lavare la bocca con determinati olii può aiutare a sbiancare i denti.

Per provare questo metodo, hai bisogno di sciacquare la bocca con olio per un minuto dopo la spazzolatura, quindi sputarlo. Gli oli adatti per l’estrazione dell’olio includono:

  • olio di cocco
  • olio di semi di girasole
  • olio di sesamo

Poche persone hanno denti naturalmente bianchi, poiché tendono a ingiallire con l’età. Tuttavia, mantenere un’igiene orale eccellente e fare controlli dentali regolari può aiutare a mantenere i denti brillanti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *